Tzav- we need to understand commandedness through the lens of both halacha and aggadah or we will miss the point completely

Sermon given 2018 Lev Chadash Milano

Every so often the Jewish world erupts into a debate about authenticity and flung into the mix are accusations about what Torah is, what mitzvot are, and who has the right to decide.

In parashat Tzav we find God telling Moses “Command Aaron  and his sons to do these rituals”  There follows a description of the five sacrifices the priests are to perform, the limits to the acceptable consumption of the meat of the sacrifices, and the details about how Aaron and his sons were to be prepared for ordination as priests.

The power of that imperative “Tzav!” which introduces the details of the ritual reverberates across the centuries.  To this day Jews view ourselves as commanded, and Rabbinic Judaism has grounded itself on the Halachah of mitzvot, what they are and how to do them, while Jewish theology and the meaning of WHY we live in this way, essentially remains in the area of aggadah.

It is the tension between these two ways of ‘being Jewish” that causes us so many problems. For Eugene Borowitz, possibly the most influential Reform Jewish thinker, “While Halachah seeks to define just what constitutes one’s obligation, the aggadah often attempts to supply the theological and historical foundation of Jewish duty” or as AJ Heschel formulated it, Halacha becomes Jewish behaviour while the motivation for these behaviours is aggadah.

How we approach God is important, and to know that there is more than one way to do this within Judaism, offers a validity to what we know Judaism to be – a variety of ways in which to be authentically Jewish, rather than a doctrinal or behavioural “orthodoxy” which itself creates heresy.

Halacha gives form and structure, provides a system for us to live and work within. Aggadah  is harder to define, but must express our limitless striving to relate to God in the world.  Essentially Halacha – and the system of mitzvot that Rabbinic Judaism cherishes – prescribes for us how to behave in the world while Aggadah helps us formulate our aspirations for what life is about, helps give meaning to our existence, and inspires us to continue the search for relationship with God.

The Rabbinic Judaism within whose system we all now function began as a wonderfully dynamic melding of both halachic and aggadic discourse. Talmud is its apotheosis.  Within Talmud there is very little interest in proclaiming what the halachah actually is, and indeed any such ruling is hardly ever found. Instead we have a variety of opinions recorded, debated, refuted or supported with biblical verses or teachings from either inside or outside the text of the Talmud itself, and this rich raw material becomes the foundation of how Judaism could develop.  Halachah and aggadah coexist in this system, each informing and enriching the other, providing balance and dynamism.   The two systems probably only begin to diverge in the Geonic Period (c600 – 1000 CE) and with the codifying of the Oral Torah we find that the system of halachah and mitzvot becomes rigid and stultifies, while the creative emotive and wide-ranging  aggadic system often gets relegated to a less important status. Yet, as Heschel wrote: ”To maintain that the essence of Judaism consists exclusively of halachah is as erroneous as to maintain that the essence of Judaism consists exclusively of aggadah. The interrelationship of halachah and aggadah is the very heart of Judaism. Halachah without aggadah is dead, aggadah without halachah is wild.”

We Jews see ourselves as a commanded and covenanted people, a people who perform mitzvot, who follow the directives of God with whom we are in a covenant of obligation. Yet we cannot quite agree on the Who is doing the commanding, nor what the commandments actually are, let alone how we must carry them out authentically.

Is the commander the God of Torah – and if so, which of God’s commands in bible are even applicable to us, let alone take precedence? Is the commander the God of later literature, of the Nevi’im, the Prophetic books and the Ketuvim (Writings)?   Is the Commander the Voice of God we discern in our lives and through our experiences? Is it the Voice of our tradition and history, the chain of which we are but one generational link? Is the voice emanating from our modern ethical understanding of the world? There are as many answers are there are Jews formulating them – in the words of Leonard Cohen in “Who by Fire”, a treatment of the famous Rosh Hashanah prayer:  “And who shall I say is calling?”

Yet that word follows us – Tzav!  We are a commanded and covenanted people.

How are we to understand it?  Mitzvah is not “the law” – or at least it is only one of ten biblical terms used to describe regulation of the people. There are also “din” “tzedakah” “davar” “mishmeret” “torah” “Mishpat” “chok”  “edut”  “ot” in bible, terms often used interchangeably in the biblical text, reminding us that the guidelines come in various ways and are just that – guidelines. Even the word “halachah” comes from the root lalechet – to go or to walk, and Torah is related to the word for parents – the people who guide us and help us become our best selves.

Rabbi Akiva ben Yosef, the great scholar and 1st-2nd century Tanna (the early generation of teacher) developed the idea that the language of Torah is divinely revealed, so that there was semantic significance, or at least midrashic potential, to every word and every letter in the Torah – nothing in it was a mistake or an addition, the document was in every sense divine. His slightly younger peer, Rabbi Yishmael ben Elisha took a different view – he said that the Torah speaks to human beings in human language, with repetitions and metaphor and so on.  The views of both continued into the development of Judaism, yet it seems that Rabbi Akiva’s view took the ascendant over time, and that while Yishmael developed principles for understanding the divine intention, the notion of “Torah miSinai” hardened over time into what people generally take it to mean today – that everything from Torah to rabbinic teshuvot today were revealed to Moses at Sinai

The origin of this idea can be found not in Torah but in Talmud: “Rabbi Levi bar Hama said that Rabbi Shimon ben Lakish said “ God said to Moses: Ascend to me on the mountain and be there, and I will give you the stone tablets and the Torah and the mitzvah that I have written that you may teach them” (Exodus 24:12). What is the meaning of this verse?  “Tablets of stone”-these are the Ten Commandments, “the Torah”-this is the Torah (five books of Moses), “the Mitzvah”- this is the Mishnah,” which I have written”- these are the Prophets and the Writings, “that you may teach them”- this is the Gemara. And it teaches that they were all given to Moses on Sinai (TB Brachot 5a).

From this aggadic text comes the idea that everything, ALL aspects of Torah, all halachic rulings, were given to Moses at Sinai by God and thus are incontestable, and not liable to challenge or modification.  Resh Lakish’s statement appears in different places in gemara, attributed to others, but we also find an extension of it in the Jerusalem Talmud (Peah 2:4) commenting on a verse found in Deuteronomy :”Rabbi Joshua ben Levi said: …Scripture, Mishnah, Talmud and Aggada — even that which an experienced student is destined to teach before his master — were all told to Moses at Sinai…”

From the process of discussion and debate that epitomises Talmud, we come to a place of no discussion and of rulings given from “on high” with the barely veiled threat of delegitimising anyone who questions.

It is quite a leap, yet it seems to be one that many barely notice these days. I have lost count of the number of times people have told me – wrongly even in the terms of foundational Rabbinic Judaism – that as a Reform Jew I am not following “real” Judaism, that halachic rulings cannot ever be challenged, that every mitzvah ever is to be found in Torah itself, and every Jew is obligated to follow them all, without exception, (aside from the ones that have to happen within the Temple or the Land of Israel. )

It worries me that Rabbi Akiva has such an ascendancy over Rabbi Ishmael, that Torah is not read as a document for human beings to encounter but only for accepted scholars within an increasingly narrow tradition. It worries me that a hardening has happened so that whereas the Mishnah only documents three “laws given to Moses from Sinai”, by the time we get to the medieval period and Maimonides the laws are codified and fixed, and the tradition of ascribing them as Torah from Sinai is used to suppress debate or challenge.

Torah miSinai to the rabbinic world was not what it means today. The original understanding was that while the Written Torah was given to Moses, the Oral Torah – or rather the authority to create and develop oral torah that would impact on our understanding of written torah – was given alongside it, in order to both bolster the claim to authority of the rabbinic tradition, and also to keep relevant and human a text given in the desert in a particular and ancient context at one moment in time.  Torah mi Sinai became the process, the dynamism, the way we can keep written Torah open to us and our own contexts. So to the Rabbis Torah mi Sinai was the whole range of midrashic exploration, all of  the interpretations, the discussions and the disputes, the variety of recorded opinion, the consensus of each generation as matters became relevant and live to them.  Torah miSinai is contradictory, it is interpretive, it holds opposing and dissonant views, it is alive. This best described in a midrash (Midrash Tehilim (11-14th century) where Rav Yannai taught “Had the words of Torah been given in clear decisions, our condition would have been intolerable. How so? When God spoke to Moses, Moses said “Define the law precisely, leaving no doubt, no ambiguity.” But God answered “follow the majority. If the majority acquit, acquit, If the majority condemn, condemn. Torah is to be interpreted in 49 ways to say something is pure and 49 ways to say something is impure” (12:7)

We are a commanded people. Our text matters to us, we hold it as sacred, we read it and study it and try to ascertain its meaning for us. We must never let go of this, even as personal autonomy takes pride of place in our lives.

Eugene Borowitz spent his life thinking and writing about the dialectic between our commandedness and our sense as Reform Jews of a personal autonomy. He could not square the circle, but he taught that while we have autonomy he insisted that we must confront our Judaism with our Jewish selves, not as “autonomous persons-in-general”. He taught the importance of our decision making based on informed and understood knowledge of our tradition and our texts.  He felt that Reform Jews must be “rooted in Israel’s corporate faithfulness to God” and that this would help structure how we live our lives. Borowitz advocated for the importance of Reform Jews knowing our tradition, interacting with our texts, understanding the historic covenant that Jews have with God. Yet he also wrote  “this does not rise to the point of validating law in the traditional sense, for personal autonomy remains the cornerstone of this piety.”

It is I think harder to be a Reform Jew than a traditional Jew, for we must bring ourselves into the thinking, rather than accept the crumbs offered as “torah miSinai”.

And Borowitz added an extra piece to our work. Whatever we ”do or say in the name of Judaism must be ethical”.  While many see mitzvot as prescribed behaviour, often focusing on the minutiae of ritual activity, we Reform Jews must see mitzvot as behaviour that will bring us closer to God by doing God’s will. We may not follow all of the ritual mitzvot that have developed in Rabbinic Judaism but that is not how we should be defining ourselves – we must define ourselves by what we do rather than what we don’t do. And more than that, anything that we do not do, that may separate us from the weight of traditional consensus, should be understood and considered and be open to revisiting rather than have the door closed on it forever. So early Reformers did not do Purim, seeing it as somewhat repellent, but now almost all progressive synagogues have brought it back. Many early Reformers gave up kashrut as being anachronistic, whereas now kashrut has once again found a home in our tradition, both as normative tradition, and also as an expression of concern for the environment – eco kashrut.

A colleague of Borowitz’, Rabbi Arnold Jacob Wolf, also advocated for informed decision making to be a hallmark of Reform Judaism, and challenged us to “ethicize the ritual mitzvot and ritualise the ethical mitzvot”, as in the interplay of Halachah and Aggadah, we need both the practical behaviour and the understanding, the ritual and the ethical driver of the ritual.

We Reform Jews are part of a tradition going back to Sinai – the tradition of Aggadah and Halachah influencing each other, the tradition of commandedness, the tradition of covenant with God. We are part of the tradition that says we must question and know our texts, learn, debate, act.

Tzav – we are a commanded people. We may not be in agreement about many things within this statement but the statement itself stands.

So for we Reform Jews, while we may challenge the idea and substance of the 613 mitzvot, while we may debate the relevance of or even need for  some of the ritual mitzvot, we are part of the system of halachah and aggadah, of mitzvot and Jewish texts. We cannot step away and abdicate responsibility; we must be part of the dialogue. And as we add our voices and our experience to the voice of commandment, to the history of our people, we shall enhance and nourish it, as we ourselves will be enhanced and nourished.

Ken y’hi ratzon. May it be God’s will

Ogni tanto dal mondo ebraico scaturisce un dibattito a proposito dell’autenticità, e ci si mettere a discutere su cosa sia la Torà, quali siano le mitzvot e chi abbia il diritto di deciderlo.

Nella parashà Tzav troviamo Dio che dice a Mosè: “Comanda ad Aronne e ai suoi figli di compiere questi rituali”. Segue una descrizione dei cinque sacrifici che i sacerdoti devono compiere, dei limiti del consumo accettabile della carne dei sacrifici e i dettagli su come Aronne e i suoi figli debbano essere preparati per l’ordinazione sacerdotale.

Il potere di quell’imperativo: “Tzav!”, che introduce i dettagli del rituale, trova riverbero attraverso i secoli. Fino ai nostri giorni noi ebrei vediamo noi stessi come precettati e il giudaismo rabbinico si è basato sulla Halachà delle mitzvot, su cosa siano e come adempierle, mentre la teologia ebraica, e il significato del PERCHÉ viviamo in questo modo, rimane essenzialmente nell’area dell’Haggadà.

È la tensione tra questi due modi di “essere ebrei” che ci causa tanti problemi. Per Eugene Borowitz, forse il più influente pensatore ebreo riformato, “Mentre l’Halachà cerca soltanto di definire ciò che costituisce il proprio obbligo, l’Haggadà tenta sovente di fornire il fondamento teologico e storico del dovere ebraico” o, come formulato da A.J. Heschel: l’Halachà diventa un comportamento ebraico mentre la motivazione di questo comportamento è l’Haggadà.

Il modo in cui noi ci avviciniamo a Dio è importante, e sapere che nell’ebraismo c’è più di un modo per farlo offre validità a ciò che sappiamo essere l’ebraismo:  una varietà di modi in cui si può autenticamente essere ebrei, piuttosto che una “ortodossia” dottrinale o comportamentale che già di per sé crea eresia.

L’Halachà dà forma e struttura, ci fornisce un sistema per vivere e al cui interno lavorare. L’Haggadà è più difficile da definire, ma deve esprimere il nostro sforzo illimitato di relazionarci con Dio nel mondo. Essenzialmente l’Halachà,  e il sistema di mitzvot che il giudaismo rabbinico apprezza, ci dà prescrizioni su come comportarci nel mondo mentre l’Haggadà ci aiuta a formulare le nostre aspirazioni per ciò che riguarda la vita, ci aiuta a dare un senso alla nostra esistenza e ci ispira a continuare la ricerca di relazione con Dio.

L’ebraismo rabbinico, nel cui sistema noi tutti ora operiamo, ha avuto inizio come una fusione meravigliosamente dinamica del discorso halachico e di quello haggadico. Il Talmud ne è la sua apoteosi. All’interno del Talmud c’è pochissimo interesse nel proclamare ciò che realmente sia l’Halachà, e, in effetti, una tale sentenza non si trova quasi mai. Abbiamo invece una varietà di opinioni registrate, discusse, confutate o supportate con versetti o insegnamenti biblici, sia all’interno che all’esterno del testo del Talmud stesso, e questa ricca materia prima diventa il fondamento di come l’ebraismo potrebbe svilupparsi. Halachà e Haggadà coesistono in questo sistema, ciascuna informando e arricchendo l’altra, fornendo vicendevolmente equilibrio e dinamismo. I due sistemi iniziarono probabilmente a divergere solo nel Periodo Geonico (circa 600 – 1000 E.V.), e, con la codificazione della Torà orale, troviamo che il sistema dell’Halachà e delle mitzvot diventa rigido e illogico, mentre il sistema haggadico, legato alle emozioni, creativo e ad ampio spettro, spesso viene relegato in uno status meno importante. Tuttavia, come scrisse Heschel: “Sostenere che l’essenza dell’ebraismo consista esclusivamente di Halachà è errato quanto affermare che l’essenza dell’ebraismo consista esclusivamente di Haggadà. L’interrelazione tra Halachà e Haggadà è il vero cuore dell’ebraismo. L’Halachà senza Haggadà è morta, l’Haggadà senza Halachà è selvaggia”.

Noi ebrei vediamo noi stessi come popolo che ha ricevuto precetti e che è coinvolto in un patto, ovvero un popolo che compie mitzvot, che segue le direttive di Dio, con il quale abbiamo un patto di obblighi. Tuttavia non possiamo essere completamente d’accordo su chi stia impartendo il comando, né su cosa siano effettivamente i precetti, per non parlare poi di come dobbiamo adempierli autenticamente.

Chi dà i precetti è il Dio della Torà? E, se sì, quale tra i precetti di Dio nella Bibbia è applicabile anche a noi, per non parlare delle priorità? Chi dà i precetti è il Dio della letteratura successiva, dei Nevi’im, dei Libri Profetici e dei Ketuvim (Scritti)? Chi dà i precetti è la Voce di Dio che discerniamo nelle nostre vite e attraverso le nostre esperienze? È la Voce della nostra tradizione e della nostra storia, la catena di cui siamo solo un anello generazionale? La Voce è emanazione della nostra moderna comprensione etica del mondo? Ci sono tante risposte quante sono gli ebrei che hanno formulato le domande, per usare le parole di Leonard Cohen in “Who by Fire”, adattamento della famosa preghiera di Rosh Hashanà: “E chi dirò che sta chiamando?”

Eppure quella parola ci segue: “Tzav!”  Siamo un popolo precettato e che si è impegnato in un patto.

Come possiamo intenderlo? Mitzvà non significa “la legge”, quantomeno è solo uno dei dieci termini biblici usati per descrivere le regole date al popolo. Nella Bibbia sono presenti  anche “Din”, “Tzedakà”, “Davar”, “Mishmeret” “Torà”, “Mishpat”, “Chok”, “Edut” e “Ot”. Termini spesso usati in modo intercambiabile nel testo biblico, che ci ricordando che le linee guida giungono in vari modi e sono proprio questo: linee guida. Anche la parola “Halachà” deriva dalla radice lalechet, andare o camminare, e la Torà stessa è legata alla parola che significa genitori: le persone che ci guidano e ci aiutano a diventare i nostri migliori sé.

Il rabbino Akiva ben Yosef, grande studioso e Tanna del I-II secolo (la prima generazione di insegnanti), sviluppò l’idea che il linguaggio della Torà sia stato divinamente rivelato, che ci fosse quindi un significato semantico, o almeno un potenziale midrashico, in ogni sua parola e in ogni sua lettera; nulla in essa era stato frutto di un errore o di un’aggiunta: il documento era in ogni senso divino. Il suo collega un po’ più giovane, il rabbino Yishmael ben Elisha, adottò un punto di vista differente: disse che la Torà parla agli esseri umani nella lingua umana, con ripetizioni, metafore e così via. Le opinioni di entrambi trovarono seguito nello sviluppo dell’ebraismo, eppure sembra che la visione di Rabbi Akiva ebbe la meglio nel tempo e che, mentre Yishmael sviluppava i principi per comprendere l’intenzione divina, la nozione di Torà miSinai si sia consolidata nei secoli in ciò che generalmente si intende che significhi oggi: che tutto, dalla Torà alle teshuvot rabbiniche odierne, sia stato rivelato a Mosè al Sinai.

L’origine di questa idea non si trova nella Torà ma nel Talmud: “Rabbi Levi bar Hama disse che Rabbi Shimon ben Lakish disse: ‘Dio disse a Mosè: sali verso di Me sul monte e rimani là, e Io ti darò le tavole di pietra, la Torà e la mitzvà che Io ho scritto per istruirli (Esodo 24:12). Qual è il significato di questo verso? ‘Tavole di pietra’: sono i Dieci Comandamenti; ‘La Torà’:  questa è la Torà (cinque libri di Mosè); ’la Mitzvà’: questa è la Mishnà; ‘che ho scritto’: questi sono i Profeti e gli Scritti; “per poterli insegnare”: questa è la Ghemarà. E ciò ci insegna che erano tutti dati a Mosè sul Sinai” (TB Brachot 5a).

Da questo testo haggadico proviene l’idea che tutto, TUTTI gli aspetti della Torà, tutte le regole halachiche, siano stati dati a Mosè al Sinai da Dio e che quindi siano incontestabili, e non suscettibili di contestazioni o modifiche. L’affermazione di Resh Lakish appare in diversi punti della Ghemarà, attribuita ad altri, ma se ne trova un’estensione anche nel Talmud di Gerusalemme (Peah 2: 4), nel commento di un verso tratto dal Deuteronomio: “il Rabbino Joshua ben Levi disse: … Scrittura, Mishnà, Talmud e Haggadà, anche quello che uno studente esperto è destinato a insegnare prima del suo maestro, sono stati tutti raccontati a Mosè al Sinai … ”

Dal processo di discussione e dibattito che si incarna nel Talmud, arriviamo a un luogo di non discussione e di decisioni date da “in alto”, con la minaccia appena velata di delegittimazione per chiunque faccia domande.

È un bel salto, eppure sembra essere uno di quelli di cui a malapena ci si accorge, di questi tempi. Ho perso il conto del numero di volte in cui le persone mi hanno detto, erroneamente anche nei termini dell’ebraismo rabbinico fondativo, che come ebrea della riforma non sto seguendo il giudaismo “reale”, che le regole halachiche non possono mai essere sfidate, che ogni mitzvà di ogni epoca si trova nella Torà, e ogni ebreo è obbligato a seguirle tutte, senza eccezioni (a parte quelle che devono aver luogo all’interno del Tempio o della Terra di Israele).

Mi preoccupa che Rabbi Akiva abbia un tale sopravvento su Rabbi Ishmael, che la Torà non sia letta come un documento per esseri umani da incontrare, ma solo per studiosi accettati all’interno di una tradizione sempre più ristretta. Mi preoccupa che sia accaduto un inasprimento tale che, mentre la Mishnà documenta solo tre “leggi date a Mosè dal Sinai”, quando arriviamo al periodo medievale e a Maimonide le leggi sono codificate e fissate, e la tradizione di attribuirle come Torà del Sinai sia usata per sopprimere il dibattito o la sfida.

La Torà miSinai per il mondo rabbinico non era ciò che significa oggi. L’interpretazione  originale era che, mentre la Torà scritta venne data a Mosè, la Torà orale, o piuttosto l’autorità per creare e sviluppare la Torà orale che avrebbe avuto un impatto sulla nostra comprensione della Torà scritta, le fu affiancata al fine di sostenere il richiamo all’autorità della tradizione rabbinica e per mantenere rilevante e umano un testo dato nel deserto in un contesto antico e particolare e in uno specifico momento temporale. Torà miSinai è diventato il processo, il dinamismo, il modo in cui possiamo tenere la Torà scritta aperta a noi e ai nostri contesti. Così per i rabbini Torà miSinai era l’intera gamma di esplorazioni midrashiche, di tutte le interpretazioni, le discussioni e le dispute, della varietà di opinioni registrate, del consenso di ogni generazione quando le questioni diventavano rilevanti e vive per loro. Torà miSinai è contraddittoria, è interpretativa, ha punti di vista opposti e dissonanti, è viva. Questo è meglio descritto in un midrash (Midrash Tehilim – 11-14 ° secolo) in cui Rav Yannai insegnava: “Se le parole della Torà fossero state date in decisioni chiare, la nostra condizione sarebbe stata intollerabile. In che modo? Quando Dio parlò a Mosè, Mosè disse: ‘Definisci la legge con precisione, senza lasciare dubbi, senza ambiguità.’ Ma Dio rispose: ‘segui la maggioranza, se la maggioranza assolve, assolvi, se la maggioranza condanna, condanna, la Torà deve essere interpretata in 49 modi per dire che qualcosa è puro e 49 modi per dire che qualcosa è impuro.” (12: 7)

Siamo un popolo che ha ricevuto precetti. Il nostro testo conta per noi, lo riteniamo sacro, lo leggiamo e lo studiamo e cerchiamo di accertare il suo significato per noi. Non dobbiamo mai lasciarlo andare, anche se l’autonomia personale è al primo posto nelle nostre vite.

Eugene Borowitz trascorse la sua vita a pensare e scrivere a proposito della dialettica tra il nostro aver ricevuto un comando e il significato dell’autonomia personale in quanto ebrei riformati. Non ha potuto quadrare il cerchio, ma ha insegnato che nonostante abbiamo autonomia ha insistito sul fatto che dobbiamo affrontare il nostro ebraismo con i nostri sé ebraici, non come “persone autonome in generale”. Ha insegnato l’importanza del nostro processo decisionale basato sulla conoscenza informata e consapevole della nostra tradizione e dei nostri testi. Sentiva che gli ebrei riformati devono essere “radicati nella fedeltà di Israele a Dio” e che ciò aiuterebbe a strutturare il modo in cui viviamo le nostre vite. Borowitz sostenne l’importanza degli ebrei riformati conoscendo la nostra tradizione, interagendo con i nostri testi, comprendendo l’alleanza storica che gli ebrei hanno con Dio. Eppure ha anche scritto che “questo non porta al punto di convalidare la legge nel senso tradizionale, perché l’autonomia personale rimane la pietra angolare di questa fede”.

Penso che sia più difficile essere un ebreo riformato di un ebreo tradizionale, perché dobbiamo concentrarci sul pensiero, piuttosto che accettare le briciole offerte come “Torà miSinai”.

E Borowitz ha aggiunto un pezzo in più al nostro lavoro. Qualsiasi cosa “facciamo o diciamo nel nome dell’ebraismo deve essere etica”. Mentre molti vedono le mitzvot come un comportamento prescritto, spesso concentrandosi sulle minuzie dell’attività rituale, noi ebrei riformati dobbiamo vedere le mitzvot come un comportamento che ci porterà più vicini a Dio, facendo la volontà di Dio. Potremmo non seguire tutte le mitzvot rituali che si sono sviluppate nel giudaismo rabbinico, ma non è così che dovremmo definire noi stessi, dobbiamo definire noi stessi per mezzo di ciò che facciamo piuttosto che di ciò che non facciamo. Inoltre, tutto ciò che non facciamo, ciò che potrebbe separarci dal peso del consenso tradizionale, dovrebbe essere compreso e considerato ed essere aperto alla rivisitazione invece che essere chiuso per sempre. Quindi i primi riformatori non festeggiavano Purim, considerandolo un po’ repellente, ma ora quasi tutte le sinagoghe progressiste lo hanno ristabilito. Molti primi riformatori abbandonarono la Kashrut in quanto anacronistica, mentre ora la Kashrut trova nuovamente posto  nella nostra tradizione, sia come tradizione normativa, sia come espressione di preoccupazione per l’ambiente, la eco-kashrut.
Un collega di Borowitz, il rabbino Arnold Jacob Wolf, sosteneva anche che il processo decisionale informato fosse un segno distintivo dell’ebraismo riformato e ci sfidava a “rendere etiche le mitzvot rituali e ritualizzare le mitzvot etiche”, come nell’interazione di Halachà e Haggadà, abbiamo bisogno sia del comportamento pratico che della comprensione, del rituale e del motore etico del rituale.
Noi ebrei riformati facciamo parte di una tradizione che risale al Sinai, la tradizione in cui Haggadà e Halachà si influenzano a vicenda, la tradizione dei precetti, la tradizione dell’alleanza con Dio. Facciamo parte della tradizione secondo cui dobbiamo interrogare e conoscere i nostri testi, imparare, discutere, agire.
Tzav: siamo un popolo con dei precetti. Potremmo non essere d’accordo su molte cose all’interno di questa affermazione, ma la dichiarazione stessa è valida.

Quindi, noi ebrei riformati, mentre possiamo sfidare l’idea e la sostanza delle seicentotredici mitzvot, mentre possiamo discutere l’importanza o addirittura la necessità di alcune delle mitzvot rituali, siamo anche parte del sistema di Halachà e Haggadà, mitzvot e testi ebraici Non possiamo allontanarci e abdicare alla responsabilità; dobbiamo essere parte del dialogo. E mentre aggiungiamo le nostre voci e la nostra esperienza alla voce del comandamento, alla storia della nostra gente, la valorizzeremo e la nutriremo, poiché noi stessi saremo valorizzati e nutriti.
Ken y’hi ratzon. Possa essere la volontà di Dio